Le ATS, le ASST, gli I.R.C.C.S. pubblici o privati, gli ospedali privati accreditati e le case di cura convenzionate aventi sede in Lombardia possono presentare segnalazioni di tecnologie emergenti, in diffusione o diffuse, per la identificazione di tecnologie meritevoli di ulteriore investimento previa valutazione di priorità. Nota: non vengono istruite eventuali segnalazioni effettuate da produttori e altri soggetti diversi dalle aziende sanitarie della Lombardia. 

Produttori, EspertiSocietà scientifiche, Associazioni di cittadini e di pazienti e altri soggetti possono consegnare memorie scritte durante le fasi di valutazione e in seguito partecipare alle consultazioni al termine di ciascuna delle tre fasi di valutazione (prioritizzazione; assessment; appraisal) per ciascuna delle tecnologie in corso di valutazione. 

L'elenco delle valutazioni HTA in corso e completate è disponibile nella pagina:
Elenco segnalazioni pervenute

L'archivio dei giudizi di priorità, dei rapporti di HTA e dei giudizi di appropriatezza d'uso è disponibile nel menu principale. 

Il testo delle Delibere di Giunta Regionale che indirizzano il programma regionale di HTA è disponibile nella sezione Documenti

 


Il presidio regionale di HTA in Regione Lombardia è definito dall’insieme dei seguenti soggetti, con compiti e funzioni differenziate e definite per la realizzazione del programma regionale di Valutazione delle Tecnologie Sanitarie - Health Technology Assessment HTA:

  1. la Direzione Generale Welfare;
  2. la Commissione Tecnologie Emergenti (CTE);
  3. la Commissione Tecnologie in Diffusione (CTD);
  4. la struttura di supporto tecnico-scientifico individuata presso la ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano; 
  5. i referenti aziendali, identificati da ciascuna ASST e ciascun I.R.C.C.S. pubblico o privato accreditato aventi sede in Lombardia quali componenti di Commissioni multidisciplinari o specifiche strutture e funzioni aziendali, e ricompresi nella rete regionale per le funzioni di assessment tecnico, deputati alla raccolta e alla valutazione critica di evidenze relativamente all'utilizzo appropriato dei dispositivi biomedici e delle tecnologie diagnostico-terapeutiche.

I seguenti ulteriori soggetti sono coinvolti nelle valutazioni su specifiche tecnologie sanitarie in Regione Lombardia, con compiti e funzioni definite di seguito e negli ulteriori allegati citati:

  • l’Osservatorio integrato del SSL istituito dalla L.R. n. 23 11 agosto 2015, di cui all’articolo 5, comma 8, della l.r. 33/2009 come sostituito dall’articolo 1, comma 1;
  • le Aziende produttrici di tecnologie sanitarie;
  • gli Esperti di dominio scientifico che presentano memorie scritte e partecipano ad audizioni;
  • le Aziende che distribuiscono tecnologie sanitarie;
  • gli Erogatori di prestazioni sanitarie;
  • gli Ordini ed Albi professionali;
  • le Società scientifiche e professionali;
  • i Gruppi e le Reti collaborative regionali;
  • le Associazioni di Cittadini riconosciute;
  • le Associazioni di Pazienti riconosciute;

Il testo completo dei documenti prodotti durante le attività di valutazione HTA (la cui tipologia è elencata nel sub-allegato 3 – Metodi) sono inoltre comunicati ai seguenti enti ed organizzazioni quali contributi tecnici per eventuali determinazioni di rispettiva competenza:

  1. la Agenzia Regionale Centrale Acquisti (ARCA) e altri gestori di procurement centralizzato;
  2. la Rete Italiana di HTA (RIHTA) presso Age.Na.S.;
  3. la Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) per il ruolo che svolge in relazione ai dispositivi connessi ai farmaci;
  4. la Rete Europea di HTA (EUnetHTA);
  5. la Collaborazione internazionale EVIDEM.