Stampa

Questo criterio rappresenta una misura di valore assoluto, cioè non comparativo tra intervento e comparatori, della efficacia documentabile per l’insieme generico delle altre soluzioni tecnologiche attualmente impiegate per il problema in esame, in particolare nella loro capacità di prevenire, curare o migliorare le condizioni target, includendo anche le carenze rispetto alla sicurezza e agli outcome riportati dai pazienti.

Una tecnologia che interviene su condizioni di salute dove non ci sono alternative, o dove tecnologie di uso corrente hanno grandi limitazioni d’uso, dovrebbe avere un punteggio più alto.

E’ generalmente accettato che un maggior valore può essere assegnato quando sono presenti poche limitazioni d’uso. Questo criterio quindi cattura il bisogno attualmente non soddisfatto della popolazione target nel contesto delle tecnologie al momento presente disponibili ed applicate per la gestione della malattia. Questo aspetto non è considerato nei criteri di severità della malattia perché una malattia (ad es. il diabete) potrebbe essere severa ma potrebbe già essere trattata in modo efficiente dalle tecnologie già presenti, mentre una condizione che si presenta meno grave (ad es. allergia stagionale) potrebbe viceversa avere poche opzioni di trattamento. Per evitare ridondanze, questo criterio non si occupa delle limitazioni dovute all’alto costo perché il valore del confronto dei costi tra tecnologia e comparatori viene discusso nella sezione “D5 - Impatto economico e finanziario”. Questa sezione posiziona la tecnologia nel mondo delle tecnologie già esistenti, di qualsiasi natura e tipologia.

Di seguito si riporta la scala:

1: Nessuna o poca limitazione di alternative terapeutiche
2: Limitazione minore di alternative terapeutiche (ad es. scarso impatto sulla qualità della vita ma accettabili altri esiti di salute)
3: Limitazioni moderate di alternative terapeutiche (ad es. efficacia minima o dubbia ed eventi avversi moderati)
4: Limitazioni importanti di alternative terapeutiche (ad es. limitata efficacia complessiva o efficacia solo in un numero limitato di pazienti, eventi avversi seri)

Torna a Dimensioni e Criteri di valutazione applicati in Regione Lombardia